Sistema di sicurezza a chiavi interbloccate

Sistema di sicurezza a chiavi interbloccate

Conosci gli interblocchi a chiave intrappolata? Rispondiamo alle 11 domande più frequenti.

Sei interessato a un sistema a chiave bloccata ma non sei sicuro di come funzioni esattamente o ti stai chiedendo se sia la migliore soluzione di sicurezza per la tua azienda? Sei nel posto giusto…

Specificare, installare e utilizzare gli interblocchi a chiave bloccata non è così complicato come si potrebbe pensare. Rispondiamo alle 11 domande più frequenti sugli interblocchi a chiave bloccata per aiutare a fare la scelta giusta e poter dissipare ogni dubbio.

1) Che cos’è un sistema di interblocco a chiave intrappolata e come funziona?

I sistemi a chiave interbloccata di IDEM controllano l’accesso ad aree o macchinari pericolosi, si basano sul trasferimento di chiavi da un interruttore di isolamento dell’alimentazione (o un interruttore di controllo) a un meccanismo di bloccaggio fissato su una protezione. La caratteristica essenziale del sistema è una chiave mobile che rimane intrappolata o nel sistema che blocca il riparo mobile o nel dispositivo di manovra del sezionatore. Il dispositivo di bloccaggio del riparo è costruito in modo tale da rilasciare la chiave solo quando il riparo stesso è chiuso e bloccato; questa condizione permette di trasferire la chiave dal riparo mobile al sezionatore. È una soluzione robusta e affidabile per controllare l’accesso ad aree e macchinari pericolosi.

Esempio applicato ad un sistema base:

2) Perché gli interblocchi a chiave bloccata sono importanti per la sicurezza in un ambiente di produzione?

Gli ambienti di produzione spesso coinvolgono macchinari e processi pericolosi che richiedono un controllo e un monitoraggio rigorosi per mantenere i dipendenti al sicuro. Gli interblocchi IDEM a chiave bloccata forniscono un metodo chiaro e coerente per controllare l’accesso a queste aree, riducendo notevolmente il rischio di errore umano e garantendo la conformità alle normative in materia di salute e sicurezza.

3) Quali sono i principali vantaggi dell’utilizzo di un sistema di interblocco a chiave bloccata?

I principali vantaggi degli interblocchi a chiave bloccata IDEM includono una maggiore sicurezza, alta integrità meccanica, anche con macchinari esistenti, semplicità di installazione e altamente personalizzabili per soddisfare le esigenze specifiche delle aziende manifatturiere. Essi non richiedono cablaggi elettrici, resistono alle procedure di pulizia CIP e SIP e forniscono un accesso rapido ma sicuro ed affidabile ai macchinari. L’utilizzo del sistema a chiavi interbloccate costringe gli operatori a seguire le procedure necessarie alla sicurezza.

4) Come si installa un sistema di interblocco a chiave bloccata?

L’installazione di un sistema di sicurezza a chiave interbloccata IDEM è velocissima perché gli interblocchi indipendenti sono una soluzione meccanica che non richiede alimentazione o cablaggi costosi.

5) Cosa succede se si danneggia o si perde una delle chiavi intrappolate?

I sistemi Trapped Key sono progettati e costruiti utilizzando componenti robusti e durevoli per resistere anche nelle condizioni più difficili. Per motivi di sicurezza, le chiavi di ricambio non vengono fornite come standard, ma se una chiave viene persa o danneggiata, IDEM può fornire chiavi sostitutive per garantire che il sistema rimanga operativo.

6) Un sistema di interblocco a chiave bloccata necessita di assistenza o manutenzione?

Gli interblocchi IDEM a chiave bloccata sono così robusti da richiedere pochissima manutenzione. In realtà, questo è solo uno dei numerosi vantaggi, poiché il sistema Trapped Key è così affidabile da ridurre la necessità di frequenti manutenzioni e migliorare l’efficienza complessiva.

7) È possibile adattare un sistema di interblocco a chiave bloccata a macchinari esistenti?

Sì, gli interblocchi IDEM a chiave bloccata possono essere adattati ai macchinari esistenti, fornendo una soluzione conveniente per migliorare la sicurezza e l’efficienza. Se desideri puoi chiedere un consiglio per valutare l’applicazione e ricevere un suggerimento per la soluzione migliore.

8) Qual è la durata tipica di un sistema di interblocco a chiave bloccata?

Con la loro qualità costruttiva e robusta, un sistema correttamente installato può continuare a fornire sicurezza ed efficienza affidabili per molti anni. Ovviamente, ciò varierà a seconda dell’utilizzo e dell’ambiente in cui è installato, ma gli interblocchi a chiave bloccata IDEM sono progettati per prestazioni di lunga durata.

9) In che modo un sistema di interblocco a chiave bloccata è conforme alle normative in materia di salute e sicurezza?

Gli interblocchi IDEM a chiave bloccata soddisfano o superano le più recenti normative in materia di salute e sicurezza e forniscono un metodo chiaro e coerente per controllare l’accesso alle aree pericolose. Riducendo il rischio di errore umano, gli interblocchi IDEM a chiave intrappolata garantiscono la conformità con maggiore tranquillità e fiducia nella sicurezza generale dell’ambiente di produzione.

10) Gli interblocchi a chiave bloccata possono migliorare l’efficienza del processo di produzione?

Gli interblocchi IDEM a chiave bloccata garantiscono il rispetto delle procedure di sicurezza e il rigoroso controllo dell’accesso alle aree pericolose. Ciò aiuta a ridurre il rischio di incidenti e danni alle apparecchiature, che possono comportare tempi di fermo della produzione e aumento dei costi. Impedendo l’accesso non autorizzato a macchinari pericolosi, gli interblocchi a chiave bloccata riducono al minimo la necessità di manutenzione e riparazione, il che a sua volta aiuta a mantenere un flusso di produzione coerente e a ridurre al minimo le interruzioni del processo di produzione.
Automatizzando il processo di autorizzazione ed eliminano la necessità di un intervento manuale, si risparmia tempo e si riduce il rischio di errore umano.

11) In che modo IDEM garantisce l’affidabilità e la durata dei propri sistemi a chiave interbloccata?

IDEM si impegna a fornire prodotti affidabili e di alta qualità. I loro interblocchi a chiave bloccata sono progettati e fabbricati nel Regno Unito per soddisfare i più elevati standard di sicurezza e sono rigorosamente testati per garantire che possano resistere ad ambienti industriali difficili. Inoltre, forniamo un supporto continuo per aiutare a mantenere il tuo sistema senza intoppi. Scegliendo gli interblocchi a chiave bloccata IDEM, si può stare tranquilli sapendo che i processi di produzione sono sicuri, efficienti e pienamente conformi alle normative del settore.

Esempio applicato ad un sistema complesso:

Articoli correlati

PATLITE – Torrette di segnalazione con riproduttore di messaggi vocali

Le nuove torrette di segnalazione della serie NHV4 / NHV6 notificano immediatamente le informazioni di rete tramite luci, suoni e voce e convertono i dati di testo in messaggi vocali, con la funzione Text to Speech. Le caratteristiche del prodotto …

PATLITE – Torrette di segnalazione con riproduttore di messaggi vocali Leggi tutto »

Ottieni il massimo livello di sicurezza – PLe, Categoria 4, SIL 3, Tipo 4

I nuovi interruttori di sicurezza RFID di Idem Safety, con uscite OSSD integrate, permettono il collegamento in serie fino a 30 sensori mantenendo CAT4, SIL3, PLe, secondo le più recenti norme di sicurezza internazionali. Serie MLZ In acciaio inossidabile e …

Ottieni il massimo livello di sicurezza – PLe, Categoria 4, SIL 3, Tipo 4 Leggi tutto »

PATLITE – Torrette di segnalazione IO-Link

La nuova torretta di segnalazione IO-Link si installa e si configura perfettamente attraverso l’interfaccia IO-Link. Il connettore M12 a 4 pin integrato permette installazioni facili e rapide al Master IO-Link. La costruzione modulare della serie LR semplifica la configurazione personalizzata …

PATLITE – Torrette di segnalazione IO-Link Leggi tutto »

Scansione di 31m2 per il rilevamento presenza

I sensori LIDAR della serie LSE2 scansionano un'area di 31 m2 per rilevare con precisione la presenza di oggetti. Gli utenti possono configurare e gestire gli scanner con dispositivi mobili utilizzando l'applicazione atLIDAR dedicata, eliminando così la necessità di controlli remoti …

Scansione di 31m2 per il rilevamento presenza Leggi tutto »